Associazione ANMI - UNREGISTERED VERSION

Vai ai contenuti

Menu principale:

Parte n° 3

Racconti > E' arrivato il cane con tredici cagnolini

Finì così nel modo più inglorioso ma la famiglia per ora era salva. Il comandante tedesco, malgrado il permesso di pesca, capì subito con chi aveva a che fare. Dopo una telefonata al Comando Tedesco di Giulianova dispose l’arresto immediato di tutta la famiglia. Naturalmente i tedeschi interrogarono Armando perché rivelasse l’identità dei "tredici cognolini". Ma nulla disse Armando, neanche sotto tortura, anche perché non conosceva davvero gli uomini che aveva trasportato oltre le linee del fronte. Provarono ad interrogare allora la moglie e i figli, minacciando la fucilazione il loro padre e marito, ma nessuno di loro per fortuna era a conoscenza di quanto aveva fatto Armando, ne quantomeno dell’identità dei trasportati, dei quali non supponevano nemmeno l’esistenza. Moglie e figli furono trasferiti in campo di concentramento. Armando fu rinchiuso in cella di isolamento in attesa di ulteriori interrogatori. Per qualche tempo rimasero divisi, ignari della loro sorte. I Tedeschi dissero loro che attendevano l’arrivo di un treno che li trasferissero tutti in Germania. Quel treno per fortuna non arrivò mai. Furono liberati dal campo di concentramento alla fine di dicembre del 1943 quando Ortona fu liberata e occupata dalle truppe Canadesi, dopo aspri combattimenti con migliaia di morti dall’una e dall’altra parte e perdite di civili. Armando potè tornare a Giulianova alla metà di Giugno 1944. Armando Medori tornò a fare il Capo barca su uno dei primi pescherecci tornati a Giulianova dal Sud dell’Italia. Personalmente conobbi Armando nel 1950 quando a mia volta mi imbarcai su un peschereccio in qualità di allievo motorista sotto il suo comando. Questa storia è stata raccontata a me e a molti pescatori da lui conosciuti da Armando Medori in persona. Ora che non è più tra noi mi piace ricordarlo come grande uomo di mare, ma anche premuroso padre di famiglia e a modo suo un "Eroe" senza l’onore di una medaglia !


Lucio Marà
Riduzione da un Capitolo del libro PADRE MARE dello stesso Autore.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu