Associazione ANMI - UNREGISTERED VERSION

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia

La costituzione dell’ANMI di Giulianova si ebbe nel 1975, ad opera di alcuni simpatizzanti della Marina Militare. Circa 150 furono i primi iscritti, rispetto ai 1.000 e più cittadini di Giulianova che avevano prestato servizio nella Marina Militare.
Fra le prime manifestazioni che l’ANMI svolse dopo la sua costituzione vi fu quella del 13 luglio 1975, che doveva consacrare definitivamente, con una cerimonia molto significativa, la effettiva esistenza dell’Associazione Nazionale Marinai in una cittadina che da secoli vantava nobilissime tradizioni marinare.
Poco prima di questa data era stato deciso di denominare il gruppo con i nomi di due caduti giuliesi del mare, Domenico e Giannino Marà.
Ritornando a quell’ormai lontano 13 luglio 1975, vogliamo soffermarci sulla grandiosa cerimonia che vide intervenire l’Ammiraglio Ferrari Agradi, le massime Autorità civili e Militari della Provincia di Teramo, il Presidente Nazionale ANMI Ammiraglio Baslini, il Vescovo di Teramo, Mons. Abele Conigli che officiò la Messa al Campo, cerimonia nella quale fu inaugurato il Monumento ai Caduti del Mare, realizzato grazie all’interessamento della Camera di Commercio di Teramo, la quale si assunse anche l’onere delle spese derivanti dalla istituzione della Sede Sociale.
Durante la detta manifestazione due Corvette della Marina Militare stazionavano al largo di Giulianova e la fanfara con il picchetto d’onore completavano la coreografia di quella stupenda giornata.
Grande fu, subito dopo, l’incremento di iscritti che si verificò. Dai 150 si passò rapidamente a raggiungere un maggior numero di soci per arrivare ai 355 iscritti odierni. Cosa che fa sperare, per l’immediato futuro, in ulteriori adesioni.
Durante questi anni di vita del Gruppo vi sono state varie manifestazioni ed attività che hanno sempre messo in risalto la solidarietà e lo spirito di corpo di tutti i componenti l’Associazione. Fra queste manifestazioni ci preme ricordare le più importanti, quelle che resteranno sempre nella memoria di chi vi ha partecipato, in particolare la gita a Taranto, nella quale vi fu l’uscita in mare con la Nave Fasan, episodio che vide fraternizzare in modo molto commovente i nostri iscritti con l’equipaggio tutto; la partecipazione in massa ai Raduni Nazionali di Bologna e Roma, due esperienze validissime, nella quali il vessillo dell’ANMI di Giulianova primeggiava nei cortei che in queste città si svolsero; gli annuali incontri per la commemorazione dei Caduti del Mare, che vede tutto il Gruppo stretto intorno a sé nel profondo pensiero di quanti hanno immolato la loro vita per il mare; la partecipazione alla Processione a Mare per la Festività di Maria SS. del Porto Salvo nella quale il gruppo effettua il lancio da bordo del motopeschereccio che porta la Madonna di una corona di fiori per i Caduti del Mare; ancora la posa di un’altra corona, stavolta però in occasione dei festeggiamenti del 22 aprile, posa che avviene sulla lapide che ricorda i Caduti della Prima Guerra Mondiale, cerimonia questa veramente significativa.
Tutto ciò concorre a dare onore e lustro all’ANMI di Giulianova, a questa giovane Associazione, i cui iscritti guardano sì al passato ed al presente, ma soprattutto al futuro, nel futuro che tutti costruiremo, nel futuro nel quale, è nostra viva speranza, non si dimentichi mai ciò che è stato.

Torna ai contenuti | Torna al menu